Risotto ai pistacchi e burrata

Informazioni generali

Dosi: per 4 persone 

Difficoltà: facile

Tempo di preparazione: 45 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Ingredienti

  • Pistacchi non salati 200 gr

  • Grana Padano 35 gr

  • Scorza di limone ½

  • Aglio ½ spicchio

  • Olio extravergine d’oliva

  • Acqua

  • Sedano 
  • Patate
  • Carote
  • Basilico
  • Sale fino
  • Pepe
  • Burrata
  • Riso Carnaroli 320 gr
  • Brodo vegetale 1l
  • Vino bianco
  • Burro

Ricetta

Per prima cosa preparate un brodo vegetale con cipolla, sedano, patate e carote e lasciatelo andare a fuoco basso. Nel frattempo pensiamo al pesto di pistacchi che servirà a mantecare il nostro risotto: ponete sul fuoco una pentola con dell’acqua e una volta raggiunto il bollore versatevi dentro i pistacchi. Dopo circa 5 minuti di cottura, scolateli e togliete la buccia che si sarà ammorbidita. Ponete i pistacchi insieme all’olio d’oliva, il grana padano grattugiato, le foglie di basilico, mezzo spicchio di aglio e la scorza grattugiata di mezzo limone. Dopo aver mixato il tutto aggiungetevi l’acqua, il sale e il pepe ed azionate nuovamente il mixer fino ad aver raggiunto una crema omogenea. Prima di iniziare a cuocere il risotto sfilacciate la burrata e tenetela da parte accanto al pesto di pistacchi. A questo punto siamo pronti per il risotto: mettete sul fuoco un’altra pentola. C’è chi, a questo punto, mette oltre ad un filo d’olio anche un trito fine di cipolla, io personalmente preferisco evitarla ma si tratta di gusti. Aggiungete il riso e fate tostare i chicchi senza farli attaccare al fondo della padella. Ora facciamo sfumare il riso con un bicchiere di vino bianco e, una volta che il chicco lo avrà assorbito, incominciamo a incorporare il brodo versandolo fino a coprire il tutto. Ogni volta che si asciuga aggiungetene altro e girate. Una volta che il risotto sarà pronto, spegnete il fuoco e terminate inserendo una noce di burro e il pesto di pistacchi. Potete ora impiattare concludendo la ricetta con gli straccetti di burrata.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *